Photo © Gaspa

Il Battistero di San Giovanni a Siena

Conserva capolavori come il Fonte Battesimale e gli affreschi quattrocenteschi del Vecchietta

Via Fusari, 23, 53100 Siena SI, Italia

ORARI

Cattedrale, Libreria Piccolomini, Museo dell’Opera, Panorama dal Facciatone, Cripta, Battistero, Sotto il Duomo, Porta del Cielo

1 marzo – 31 ottobre: 10:30 – 19:00
Cattedrale Festivi: 13:30 – 18:00
Cattedrale Prefestivi: 10:30 – 18:00

1 novembre – 28 febbraio: 10:30 – 17:30
Cattedrale Festivi: 13:30 – 17:30
Cattedrale Prefestivi: 10:30 – 17:30

26 dicembre – 6 gennaio: 10:30 – 18:00
Cattedrale Festivi: 13:30 – 17:30
Cattedrale Prefestivi: 10:30 – 17:30

Periodo Scopertura Pavimento: Cattedrale Festivi:
9:30 – 18

Porta del Cielo:
Apertura dal 1 marzo al 7 gennaio. Gli orari seguono quelli della Cattedrale

Info: Operaduomo.Siena.it

Il Battistero di San Giovanni si trova nella piazza omonima a ridosso della base dell’abside del Duomo. Fu realizzato tra il 1316 e il 1325. La facciata, rimasta incompiuta, risale alla seconda metà del Trecento, mentre l’interno è stato arricchito nel corso del Quattrocento con importanti pitture e sculture.

L’opera più interessante conservata all’ interno del Battistero è sicuramente il fonte battesimale, risalente al primo rinascimento toscano, progettata da Jacopo della Quercia. La fonte, a pianta esagonale, è decorata con dei pannelli in bronzo dorato raffiguranti delle scene della vita di San Battista realizzati da Jacopo della Quercia, Donatello, Giovanni di Turino, Turino di Sano e Lorenzo Ghiberti, intercalati da statue di virtù: La Speranza e la Fede realizzate da Donatello, mentre le altre sono attribuite a Goro di Neroccio e Giovanni di Turino.
Il ciborio è decorato da quattro angeli musici in bronzo realizzati da Donatello e Giovanni di Turino, ed è sormontato da una statuetta di San Giovanni Battista e ornato di bassorilievi opera di Jacopo della Quercia.

Tra le altre opere d’arte presenti nel Battistero, di rilevante importanza sono le statue della scuola di Giovanni Pisano, gli affreschi del Vecchietta e il trittico con la Madonna, santi e storie di Santo Stefano realizzato da Andrea Vanni.

I Comuni di Terre di Siena